Post

07.Tarantella dei Laverni naturalisti-vol.00-cap02-07

7. “Tarantella dei Laverni naturalisti” (18 44)

Letra: Manuel de Araújo Porto-Alegre. Música: José Maurício Nunes Garcia (filho). Gravadora independente. Intérprete: Ana Maria Kieffer e outros. CD do livro: “Comédia musical urbana”.

Letra em “A Lanterna Mágica”. Partitura na BN

Vengão vere miei signori

Tuti questi meravilhie,

Tengo bestie straordinari

D’Asie, Europe e delle Antilhie …

Borbolete, gafanhote

Crocodile, ximia informe

Popistrelli, vespe note,

Una pulga, fato enorme …

Tre merluxe e un canario

Qui toca bene il trombone,

E parla vinte sei lingue,

Un siberio macacone

Una aranha

Que sbasbaca …

Tuto questo

Una pataca.

Toca, toca rialeja

Quiama gente di quatrini;

Qui se vede maravilha!

Il nasso del Paganini,

Un sapato di Mosé,

La barba del Faraó,

I capelli di Voltér,

Lo scudo di Mirabó,

Una bota di Pilato,

La gorga del Tamburini,

La casaca di Alessandro,

E la spada del Rossini.

Di Platone

La matraca …

Per niente

Una pataca.

Signore, in questo vidrace

Sta il badegio qui canta,

La lacraia inamorata

D’um picapao elefante ...

Il somaro versatore,

Il porco naturalista,

L’arara que suona trompa

Ed un macuco stadista ...

La paca que dansa polka,

Il sapo gran violino,

Il cane coll’officlide

Ed un rato concertino

Cose rare!

Sol la paca ...

Vale bene

La pataca.

Ecco ancora la gran vara

Que corto il Mar Vermelho,

Ecco, qui, del padre Adano

Un osso del suo artelho:

La trompe de Jericó,

La queixada de Sansone,

La funda del rei David,

Il chapeo de Salomone;

Ecco di Bruto e de Cezare

Lo orologio e lo cachimbo,

La seringa de Noé,

E qui um’alma del limbo

Toca, toca,

Non ti staca,

Quiama, quiama

La pataca

Questa gambá di Archimede

Mi há custato tre milhione;

Ecco il bigode terribili

Del grande Napoleone!

Nel tavolino vedete

Sigarrando Cicerone

El il profeta Maometo

C’um piato di macarrone;

Carlo Magno in paletó,

Il Camoens nella sua gruta

Col Dante bebendo birra,

Facendo la faccia bruta.

Al Tamoio

Nella maca!

E por niente! ...

Una pataca.

Ecco l’anta batizata.

Il quati predicatore,

Un capello califórnia;

E un macaco gran pittore...

Vedete qui la spingarda

Del grande Caramuru

La statua de Xenofonte

Il bronzo d’uno urubu;

Manuscriti botocudi,

Una balena que canta,

Un tatu maestro di spada,

E un burro, burro qu’ispanta ...

Tengo giá

La voce fiaca ...

Date, date

La pataca ...